Città di Vico EquenseCittà di Vico Equense

Vico Equense – Da lunedì 1° ottobre l’Istat avvia il censimento permanente della popolazione e delle abitazioni che quest’anno, per la prima volta, prevede l’effettuazione della rilevazione con cadenza annuale e non più decennale. Un cambiamento che fornirà informazioni utili per le istituzioni, per le politiche economiche e sociali, per sapere leggere e valutare in modo tempestivo l’evoluzione del nostro Paese e saper guardare al futuro. Il nuovo censimento, infatti, produrrà annualmente i dati di base per comprendere e intervenire più efficacemente sulla soddisfazione dei bisogni degli individui e delle famiglie nelle diverse fasi della vita e per programmare e gestire i servizi sul territorio.  Cambia il censimento e di conseguenza si evolvono l’organizzazione, il questionario, gli attori sul territorio, la rete di rilevazione e la campagna di comunicazione. Innanzitutto sarà basato sia su fonti amministrative che su rilevazioni campionarie e sfrutterà i dati disponibili in modo più efficace. Aumenteranno e miglioreranno le tempistiche del rilascio dei dati, con un sostanziale taglio dei costi della rilevazione per l’amministrazione pubblica. Il censimento annuale, inoltre, non utilizzerà più questionari cartacei: la rilevazione si svolgerà in parte direttamente sul web e in parte e sarà affidata ad un rilevatore con tablet fornito da Istat. Per le operazioni in questione, è stato istituito l’ufficio comunale di censimento, il cui responsabile è il dottor Giuseppe Flavio Esposito, con sede nell’ufficio anagrafe del Comune di Vico Equense. Per lo svolgimento delle attività, saranno impiegati 3 rilevatori, che si recheranno in varie zone del Comune, individuate direttamente dall’Istat, prima per la verifica dei numeri civici e successivamente per effettuare l’intervista alle famiglie selezionate. I rilevatori si presenteranno muniti di regolare cartellino (con foto di riconoscimento) e del tablet.

Parte il Censimento permanente della popolazione e delle abitazioni